Due Volte Mamma

Una mamma con più figli è sicuramente una donna fortunata. Ha più occhi da guardare, più bocche a cui sorridere, più amore da donare e da ricevere. Ha anche però una grande croce sul cuore: la divisione emotiva continua e sistemica. Quando una mamma apre gli occhi al mattino, il suo primo pensiero va al suo bambino: entra così nella sua cameretta, lo guarda dormire sereno, si siede al suo fianco, lo accarezza, lo bacia, gli sussurra un delicato buongiorno e gli ricorda tutto il suo amore. La mamma di più figli, la mattina quando entra nella stanza dei suoi bambini, non sa mai da chi andare per primo. Qui scatta la prima parte della giornata in cui si sente divisa. Se sono due allora si siede in mezzo, se possibile, dona una carezza ad uno e all’altro nello stesso momento, poi però deve decidere a chi dare il suo primo bacio. Sembra magari una banalità, ma non è così.
La mamma con tre o più figli prova, anche, quella strana sensazione di inadeguatezza per non avere tante braccia quanti sono i suoi figli, per poterli accarezzare tutti insieme.
Il senso di colpa verso l’uno e/o verso l’altro dilaga fin dalla gravidanza. Alla notizia di aspettare un secondo bambino, una mamma è felice. Per sé, ma anche per il suo primo figlio, perchè è consapevole del fatto che un fratello sarà un regalo per la vita. Verissimo. Entra in gioco però anche il tarlo del tempo, delle attenzioni, della paura di non essere in grado di gestire due figli,tanto nella difficoltà pratica quanto nella complessità emotiva di entrambi i bambini e della propria.E qui, la felicità viene velata dalla paura. Quando il bambino nasce, la mamma comprende quanto i suoi timori fossero fondati. E’ vero che non avrà più il tempo di prima da dedicare alla sua prima creatura:il suo tempo andrà diviso e non sempre equamente. Le attenzioni verso i suoi figli saranno per lei una riflessione costante: “Avrò abbracciato abbastanza …. oggi?” “Avrò detto a …. che gli voglio bene?” “Avrò guardato abbastanza attentamente il disegno di …?” e così via con milioni di interrogativi che non fanno altro che farla sentire inadeguata.Non vi è solo un carico di gestione pratica (uno va a scuola, l’altro deve dormire; porta a calcio uno e in piscina l’altro, dai da mangiare a uno e intanto prepara per l’altro ecc ecc ) c’è soprattutto un carico emotivo-relazionale che va gestito in maniera efficace.
I pensieri cupi e ingannevoli creati dalla mente, che fanno sentire una mamma inadeguata, spesso non li sente nessuno. Ognuno cela dentro di sé quel macigno che pesa sul cuore ogni giorno di più. Si cerca di dare un colpo al cerchio e un colpo alla botte, di fare per l’uno e per l’altro il massimo che si possa fare, anche quando si è stanche, sfinite, malate. Ci si dimentica di se stesse e si passa un tempo indefinito a parlare solo dei figli e, nonostante tutto, ci si sente ancora sbagliate.
Alcune mamme entrano in depressione post partum, generalmente dovuto ad un calo degli ormoni, ma credo anche che non sia solo questo. Il pensiero crea.E come si crea un qualcosa di bello, di positivo e gratificante, così il senso di colpa può creare depressione, senso di inadeguatezza, ansia e rifiuto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è inadeguatezza.jpg


La nuova creaturina poi deve rientrare in un ordine famigliare.
Per questo la mamma comincia a pensare:
1.Il mio primo figlio è il mio grande amore, e lui?
Si può pensare di non essere in grado di amare altrettanto intensamente il secondo figlio e di sentirsi in colpa per questo. Spesso, alla nascita, è proprio così. Ma questo non dovrebbe spaventare, perchè l’amore per un figlio è l’unico che cresce di giorno in giorno, quindi, se ci pensassimo lucidamente, potremmo comprendere come anche il primo figlio, lo amiamo più oggi di ieri. Sarà inoltre la diversità caratteriale a permetterci di amare i nostri figli in egual misura, anche se in modo diverso.
2. Il piccolo mi sta sempre attaccato. Lui cosa penserà?
Il pensiero della gelosia che il maggiore possa provare è uno dei tarli più ricorrenti per le mamme. La paura di non essere abbastanza presenti e di non poter ripristinare il piano di prima (Io e te soli) è fonte di grande angoscia per la mamma.
3. Verrà amato come l’altro mio figlio?
Se non bastasse porsi dei dubbi sulla propria capacità di donare amore, si pensa anche a quella di tutta la famiglia: papà, nonni ecc… Una condizione del tutto naturale poichè scatta in noi il meccanismo della conservazione della specie per mezzo del branco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è baby-4100420_640.jpg


Il periodo del post-partum è uno dei più delicati di tutta la vita. La donna si sente spesso sola, insicura, sbagliata. Si tende a pensare di dover essere perfette e ad inseguire un ideale di perfezione che cambia anche in base all’interlocutore con cui si parla. Ci si concentra sul bambino, sui suoi bisogni e ci si dimentica della mamma. Una pluripara poi crede di sapere cosa la aspetta visto che ha già vissuto una gravidanza. Per cui quando sente arrivare certi pensieri li scaccia via come le mosche in estate e, avendo studiato anche tutta la teoria, essendo passata per schemi e tabelle dentro cui dovevano restare lei e il suo primo figlio, si sente forte e pronta ad affrontare il periodo difficile che sa che la aspetta. Non vi fate convincere! Per quanto una donna sia pronta, sicura e convinta, potrebbe sempre avere bisogno di supporto in un qualche dato momento e spesso, non lo chiederà. E’ fondamentale quindi accorgersene ed avere un supporto famigliare. La sensazione di doversi dividere costantemente, la si vive in ogni momento a partire dalla nascita del secondo figlio e alle volte anche prima. Quel meraviglioso equilibrio che si era creato tra mamma e bambino verrà spezzato e bisognerà crearne uno nuovo. Ci saranno momenti di rabbia, di paura, di tristezza, ma anche molti momenti gioiosi, spensierati e incredibilmente calmi. Crescere due o più bambini ha una moltitudine di colori e sfumature di cui non possiamo essere consapevoli se non nel momento in cui lo viviamo. Avremo modalità diverse, vissuti emotivi distanti da quando avevamo un figlio solo; avremo un cuore in più con cui condividere momenti unici e preziosi che renderanno la nostra vita un quadro stupefacente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è children-1879907_640.jpg


In questo periodo,una mamma bis è diventata bis in tutto. Maestra, psicologa, zia, nonna, amica. Durante il lockdown la famiglia era l’unico nucleo relazionale per il bambino/ragazzo, perciò mamma e papà si sono ritrovati a dover ricoprire anche ruoli non propri, al fine di permettere al proprio figlio di continuare a sperimentarsi nelle varie relazioni. Essere però l’amica o la maestra di una figlia 12enne e quella di un figlio di 3 non è impresa da poco.Ho imparato che per amare così tanto ci vuole coraggio, spirito di sacrificio, fiducia,generosità e una punta di follia. Perchè per prendersi cura di un altro essere umano non basta la volontà.

Per questo e per tutto ciò che fate, avete fatto e farete, care mamme, vi dedico queste parole…

A tutte voi, noi, che ogni giorno lottiamo per i nostri figli, siano essi pezzi di cuore con braccia e gambe o siano progetti nati dal profondo dell’anima.
Abbiamo in mano il mestiere più difficile del mondo, amatevi, sorridete, perdonatevi.
Per tutte le volte che fate le mamme come desiderate essere, per tutte le volte che non lo siete affatto. Siate orgogliose dei vostri “bambini”, abbandonate le aspettative su di voi e su di lui. Semplicemente SIATE. La mamma migliore del mondo e la peggiore, quella che ride e quella che si arrabbia, quella che gioca e quella che non ha voglia, quella che punta tutto sul suo progetto e quella che si domanda che cosa sta facendo.
Siete bellissime con tutte le vostre forme, le vostre contraddizioni, le vostre manie, fobie, paure, sogni, speranze, lotte.
Grazie per tutto ciò che siete e sarete. Grazie per non arrendervi mai!

Manuela Griso

2 risposte a "Due Volte Mamma"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: